A Rotherham 1400 bambine stuprati da immigrati, le autorità tacevano: non volevano sembrare “razzisti”

A Rotherham 1400 bambine stuprati e le autorità tacevano: non volevano sembrare “razzisti”
„In una cittadina dello Yorkshire, migliaia di abusi sono stati perpetrati in oltre 15 anni da una banda composta in prevalenza da cittadini di origine pachistana. Un rapporto ha stabilito che l’amministrazione sapeva e non è intervenuta“

Cose terribili sono avvenute a Rotherham”. Inizia così il rapporto della funzionaria governativa Louise Casey che contribuisce a squarciare il velo sulla tragedia vissuta dalla comunità di questa piccola cittadina dello Yorkshire, dove tra il 1997 e il 2013 circa 1400 minori sono stati vittime di abusi e violenze.

Molto più di uno scandalo “da provincia”, che nasconde profonde implicazioni politiche e culturali: appare sempre più evidente che le autorità di Rotherham sapevano e hanno taciuto (almeno a partire dal 2010), per timore di apparire “razzisti”, con un’opinione pubblica spaccata e una stampa britannica che si rinfaccia, tra fogli conversatori e giornali progressisti, di aver contribuito ad alimentare un “malinteso” che ha poi portato alla tragedia. Perché cinque degli stupratori identificati e processati nel 2010 – nel processo che per primo sollevò la questione – erano tutti di origine pachistana.

Un’ipotesi, quella del “politically correct” a tutti i costi, che ha trovato nel tempo più di una conferma e che è finito nero su bianco nel rapporto firmato da Louise Casey e pubblicato oggi. Il rapporto Casey segue di pochi mesi quello redatto dal professor Alexis Jay, che lo scorso agosto contribuì a svelare i terrificanti retroscena dello scandalo di Rotherham, dopo che un’inchiesta condotta dal Times rivelò che lo scandalo sessuale era molto più grave di quello che il processo che portò alla condanna dei cinque pachistani lasciava intendere, rivelando l’esistenza di una banda che per 16 anni ha stuprato, rapito, violentato e sfruttato migliaia di bambine e ragazze.

“Ho trovato un’amministrazione locale incapace di ammettere la realtà”, dice Casey e per questo conclude che il Rotherham Council “is not fit for purpose”, ossia non è più adatto per restare in carica e svolgere il proprio compito. Il rapporto Casey ha disvelato una cultura fatta di bullismo, sessismo, insabbiamenti e un contorto quanto errato senso di “political correctness”, che hanno portato a un’incapacità di accettare, comprendere e contrastare un fenomeno come quello dello sfruttamento minorile su vasta scala che stava travolgendo la comunità. Il ministro per le autorità locali, Eric Pickles, è intervenuto alla Camera dei Comuni, annunciando l’intenzione di voler nominare una squadra di cinque commissari che amministreranno in Comune, al quale verranno imposte elezioni anticipate per l’anno prossimo.

La gran parte delle 1400 vittime accertate sono bambine o ragazze. Molti di loro avevano alle spalle situazioni famigliari complicate o provenivano da case famiglia, per poi finire drogate e costrette a subire violenze sessuali e torture indicibili, oppure “venduti” ad altri, le famiglie sono state minacciate qualora avessero denunciato gli abusi. Un’inchiesta del Times, pubblicata nello stesso giorno del Rapporto Casey, ha rivelato inoltre che un poliziotto corrotto e due politici locali risultano accusati di aver commesso abusi su minori.

Dopo la diffusione del Rapporto Jay, diversi notabili di Rotherham hanno rassegnato le proprie dimissioni, compreso il laburista Shaun Wright, responsabile per la Polizia e il Crimine del South Yorkshire e consigliere incarico dall’amministrazione di Rotherham di sovrintendere ai servizi per l’infanzia tra il 2005 e il 2010.

fonte

 

Cara Italia: nasce in Italia il primo partito per gli immigrati

Il movimento “Cara Italia” intende promuovere una società italiana multiculturale e multietnica, lottare per i diritti degli immigrati e puntare a formare un Parlamento multietnico

 

Si chiama Cara Italia ed è un movimento nato per dar voce agli immigrati in Italia. Il fondatore è Stephen Ogongo, originario del Kenya e caporedattore di 10 testate giornalistiche del gruppo Stranieri in Italia. Lo scorso ottobre su Facebook ha dato vita a una pagina per sponsorizzare il suo movimento, raccogliendo finora seimila adesioni.

“Il movimento, spiega Ogongo, ha come protagonisti gli immigrati e gli italiani che lavorano insieme contro il razzismo e tutte le altre forme discriminazioni razziali. Una casa comune per cercare di mettere insieme associazioni, organizzazioni, gruppi che si occupano dei diritti dei nuovi italiani”.

Cara Italia: movimento e partito politico

Cara Italia non sarà solo un’associazione sociale ma un vero e proprio partito politico.

L’obiettivo è creare una classe dirigente ibrida, fatta di persone di ogni etnia e formare un Parlamento multietnico. Inoltre, il movimento, da un punto di vista sociale, vuole impegnarsi per lottare contro l’intolleranza, il razzismo e tutte le altre forme di discriminazioni razziali ed etniche, combattere per la giustizia e i diritti di tutti, inclusi gli immigrati e ottenere una legge che permetta ai bambini stranieri nati in Italia di ottenere automaticamente la cittadinanza.

Sul piano politico, invece, Cara Italia vuole dare a milioni di immigrati residenti in Italia la possibilità di votare alle elezioni politiche e di partecipare a tutti gli ambiti della vita. Ogongo, infatti, ritiene ingiusto negare a queste persone il diritto di esprimere la loro opinione nel Paese in cui vivono.

fonte

Milano, coda e ressa per le Nike Air Max: un’edizione limitata da 160 euro

Decine e decine di ragazzi hanno riempito via Statuto a Milano in attesa dell’apertura del NikeLab, lo store che ha messo in vendita in edizione limitata le nuove Air Max, scarpe vendute al costo di 160 euro e vendute esternamente anche a 5/600 euro. È stato necessario a causa della ressa anche l’intervento della polizia.

Ancora una volta il negozio Nike Lab St18 è stato preso d’assalto da decine e decine di ragazzi pronti a sfidare il freddo per avere l’ultimo modello di scarpe targato Nike. Si tratta delle Air Max 90, prodotte in edizione limitata per lo store di via Statuto e via della Moscova, a Milano, acquistabili ad un prezzo agevolato di 160 euro. Sì perché le stesse scarpe pare siano vendute fuori ad un prezzo che sfiora anche i 500 euro. Così in tantissimi si sono dati appuntamento per riuscire ad accaparrarsi le ambite scarpe: hanno dormito, se così si può dire, all’esterno del negozio dove hanno iniziato a prendere posto mercoledì sera. E così questa mattina i più fortunati hanno ricevuto il bracciale giallo, utile ad accedere in negozio per comprare proprio le Air Max.

In molti però hanno lamentato la scarsa organizzazione da parte degli addetti ai lavori che avrebbero distribuito i bracciali ad amici e conoscenti. Qualcun altro invece ha avuto da ridere sulla ressa. Effettivamente è stato necessario anche l’intervento di diverse volanti della polizia che hanno dovuto attendere che il tutto terminasse senza troppi incidenti. Intanto sui social sono stati diffusi foto e video dei ragazzi in coda all’esterno dello store, tra incredulità e non poche polemiche, qualcuno si chiede: “Ma non dovreste essere a scuola?”, qualcun altro invece rimane attonito davanti alla scena di molti ragazzi arrampicati sui muri nella noncuranza generale.

Un episodio simili accaduto lo scorso dicembre per le Nike Air Force 1
Non è la prima volta che si verifica un episodio del genere, lo scorso 19 dicembre infatti in decine avevano sfidato il gelo della notte restando all’esterno dello stesso store Nike per più di 12 ore: obiettivo in quel caso era accaparrarsi le nuove scarpe Off-White x Nike Air Force 1 nei colori Black e Volt, anche queste prodotte in edizione limitata.

milano.fanpage.it

Il marito di Kyenge si candida con la Lega

“Ho firmato per Salvini ai banchetti della Lega, entrerò in lista alle comunali di Castelfranco Emilia, sono persone perbene quelli della Lega”. Così Domenico Grispino, marito dell’eurodeputata del Pd Cecile Kyenge, a La Zanzara su Radio 24. “Ci sono le elezioni comunali – dice – e metto a disposizione della Lega quello che so, e mie competenze”. Hai firmato contro il processo a Salvini sul caso Diciotti?: “Sì, finirà nel nulla, se uno prende una linea poi non può cambiare, è evidente che Salvini lo fa per svegliare l’Europa. Sta facendo bene”.

 

Mia moglie? Io penso per me, ognuno pensa per sé, con mia moglie non parlo mai di queste cose“. “Sono a favore dello slogan ‘aiutiamoli a casa loro’ – dice il marito dell’ex ministro – e bisogna creare dei punti strategici in Africa di attrazione delle persone. Ma mica con cattiveria. Salvini non è disumano, penso che sia una macchina da guerra per avere consensi. Poi ci sono altri personaggi a cui sono più vicino, come Giorgetti. Alle Europee non voterò Pd, per il partito di mia moglie. Le persone che ho conosciuto a Castelfranco sono molto in sintonia con me e tutt’altro che aggressive”.

 

Adnkronos

Mezzo milione di italiani non ha i soldi per curarsi

Lo rivela il Rapporto del Banco Farmaceutico: le famiglie indigenti destinano alla salute il 2,5% della spesa, 117 euro l’anno. E 13,7 milioni di italiani limita le spese per visite e accertamenti
Mezzo milione di italiani non ha i soldi per curarsi

 

Oltre mezzo milione di italiani non si sono potuti permettersi cure mediche e farmaci nel 2018, mentre circa 13,7 milioni di italiani hanno limitato le spese per visite e accertamenti. È quanto emerge dal Rapporto 2018 «Donare per curare: povertà sanitaria e donazione farmaci», realizzato dalla Fondazione Banco Farmaceutico onlus. Il Rapporto è stato presentato a Roma nella sede di Aifa, l’Agenzia italiana per il farmaco.

Nell’ultimo anno 539 mila poveri non hanno avuto i soldi per le cure di cui avevano bisogno. A causa di spese più urgenti, le famiglie povere riservano alla salute solo il 2,54% della propria spesa totale, contro il 4,49% delle famiglie non povere. In particolare, possono spendere solo 117 euro l’anno (11 euro in più rispetto all’anno precedente), mentre il resto delle persone può spendere 703 euro l’anno per curarsi (8 euro in più rispetto all’anno precedente). Per le famiglie indigenti, inoltre, la quota principale della spesa sanitaria è destinata ai medicinali: 12,30 euro mensili, pari al 54% del totale. Il resto delle famiglie destina ai farmaci solo il 40% della spesa sanitaria, perché investe maggiormente in prevenzione. È particolarmente significativa la spesa delle persone in stato di indigenza per i servizi odontoiatrici: 2,35 euro mensili, contro 24,83 euro del resto della popolazione.

La strategia del risparmio nelle spese sanitarie, che riguarda di fatto oltre 5 milioni di famiglie, si configura quindi, spiega il Rapporto, come «un vero e proprio comportamento di massa». Nel triennio 2014-16 la percentuale di italiani, non poveri, che ha limitato il numero di visite e accertamenti è passata dal 24 al 20%. Il dato, invece, è aumentato tra le famiglie povere, passando dal 43,4% al 44,6%. «Nonostante questa strategia di contenimento della spesa sanitaria a proprio carico – si legge nel Rapporto – i dati ufficiali indicano una progressiva divaricazione tra la spesa pubblica (in riduzione) e quella privata (in aumento). In particolare, la quota di spesa per assistenza farmaceutica non sostenuta dal Servizio Sanitario Nazionale e a carico totale delle famiglie sfiora il record storico, passando al 40,6% rispetto al 37,3% dell’anno precedente».

La crisi economica sta uccidendo? È la domanda che si sono posti i ricercatori a fronte dell’aumento dei decessi nel nostro Paese. «Dal più recente bilancio demografico diffuso dall’Istat, nel 2017 i morti, in Italia, sono stati 649 mila, 34 mila in più rispetto al 2016 – scrive il demografo Gian Carlo Blangiardo nel suo editoriale contenuto nel Rapporto – Nel 2015, i morti sono stati 50 mila in più rispetto al 2014. Nell’ultimo secolo, solo nel corso della Seconda guerra mondiale (1941-1944) e nel 1929 si registrano picchi analoghi. Il richiamo al 1929 evoca un legame tra malessere economico e debolezza del sistema socio-sanitario che, pur con tutte le varianti e le riletture indotte dai tempi moderni, può aiutarci a capire l’altalena della mortalità su cui rischia di adagiarsi la popolazione italiana».

«Sono davvero troppe le persone che non hanno un reddito sufficiente a permettersi il minimo indispensabile per sopravvivere – commenta Sergio Daniotti, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus -. I dati pubblicati quest’anno dimostrano che il fenomeno si è sostanzialmente consolidato nel tempo e che, prevedibilmente, non è destinato a diminuire sensibilmente nei prossimi anni. Siamo anche convinti che il nostro Paese è caratterizzato da una cultura del dono che si esprime in maniera particolarmente visibile durante la Giornata di Raccolta del Farmaco, quando centinaia di migliaia di cittadini donano un medicinale per chi è più sfortunato. La strada per cambiare le cose è che quella cultura si diffonda sempre più anche tra le istituzioni e le aziende farmaceutiche e che queste ultime inizino a contemplare la donazione non più come un’eccezione, ma come parte del proprio modello di sviluppo imprenditoriale destinato al bene di tutta la comunità».

Avvenire.it

Doveva accudire la nonna con i permessi della legge 104: ma era in vacanza a Bangkok

Approfittava dei permessi della legge 104 per accudire la nonna, ma in realtà se ne andava in vacanza in giro per il mondo. Un trentenne di Spoleto è stato denunciato a piede libero dalla Guardia di Finanza, con l’accusa di truffa aggravata nei confronti dello Stato, per la quale rischia anche il licenziamento per giusta causa. L’uomo è stato incastrato dalle foto postate su Facebook, che lo ritraggono a Bangkok a Capodanno e a Barcellona a Ferragosto insieme alla compagna.

Secondo la guardia di finanza, nel 2017 l’uomo aveva chiesto la concessione di tre giorni consecutivi di permesso “agganciandoli” a ferie o a riposi settimanali, in modo da aver a disposizione un periodo più lungo. Le indagini, coordinate dalla procura di Spoleto, sono state avviate con l’esame del profilo Facebook dove gli investigatori hanno rinvenuto foto delle vacanze. Sono stati quindi esaminati i dati rilevati al centro per l’impiego, all’Inps, presso le compagnie aeree e dal datore di lavoro.

 

Il messaggero

Mettono all’asta la figlia 17enne e la cedono in cambio di 500 mucche e tre auto

L’episodio sta facendo molto discutere in sud Sudan dopo la scoperta che a vincere la singolare e assurda asta è stato un noto magnate del posto e che tra i partecipanti figuravano anche alcuni rappresentanti delle istituzioni locali.

In tanti spiegano che si tratta di antichissime usanze tribali locali, ma sta facendo molto discutere in sud Sudan il caso di una giovane 17enne residente in un villaggio della regione dei Laghi del Paese africano messa all’asta dalla propria famiglia per darla in sposa al miglior offerente e letteralmente ceduta in cambio di 500 mucche,  tre auto e una somma di un milioni di scellini kenioti, (circa 8mila euro). Come raccontano i giornali locali, la “competizione” per avere la ragazza di nome Nyalong Ngong Deng era partire nelle scorse settimane ed aveva visto ben sei pretendenti affrontarsi a colpi di rilanci, tutti sconosciuti alla giovane.

 

Alla fine nessuno sarebbe riuscito a battere l’offerta di un noto magnate della zona, Kok Alat. Tra i concorrenti pare ci fosse tra gli altri anche  l’ex commissario di Awerial, dove vive la 17enne, e l’attuale vice governatore della regione dei Laghi. Personaggi noti che hanno richiamato l’attenzione dei media e ma anche delle associazioni che si battono per i diritti delle donne nel Paese che hanno equiparato la pratica alla mercificazione delle donne e ora chiedono che le persone  coinvolte, compresi i familiari della 17enne, siano indagate e affrontino la legge per aver violato i diritti umani. “La pratica, sebbene faccia parte della cultura dei queste popolazioni, equivale alla mercificazione delle donne, rappresenta una grave violazione dei diritti umani e viola i diritti di una ragazza, privandola non solo  del diritto di scegliere, dell’educazione delle opportunità future nella sua vita ma aumentando anche il rischio di violenza” affermano le associazioni, ricordando che  il coinvolgimento di personaggi noti e con ruoli nelle istituzioni locali è ancora più grave. “Devono essere sospesi dal loro incarico e indagati così come chiunque sia coinvolto in questa vendita all’asta” hanno concluso.

Fanpage

 

 

Targhe estere in Italia, ora sono vietate

Le persone che risiedono da oltre 60 giorni nel nostro Paese non potranno più circolare con targa straniera

C’è voluta una norma specifica – inserita nel decreto sicurezza approvato al Senato – per far si che le persone che risiedono da oltre 60 giorni nel nostro paese sarà vietato circolare con targa straniera. Una soluzione drastica perché fino a oggi si è cercato di combattere il fenomeno come si fa in tutti gli altri Paesi europei, cioé facendo pagare le sanzioni a tutti, anche a chi va in giro con un’auto con targa estera. I risultati sono stati sempre scarsi, ed ecco quindi il divieto assoluto.

Targhe estere in Italia, ora sono vietate
In questi giorni così si parla tanto di “pacchia finita per i furbetti delle auto con targhe straniere”, ma in sostanza la norma è una specie di ammissione di incapacità di far pagare ai responsabili le dovute sanzioni. Incapacità ovviamente non dovuta né ai controlli né ai controllori, ma ad un buco legislativo.

Con le nuove norme, in ogni caso, la sanzione amministrativa partirà da 712 euro e la regolarizzazione dovrà avvenire entro 180 giorni, tempo nel quale il veicolo sarà tenuto in deposito. Scaduto questo termine di 6 mesi scatterà poi la confisca.

Si fa di ogni erba un fascio: malviventi, società di noleggio che lecitamente operano all’interno della UE, liberi professionisti che si spostano per lavoro, rapinatori ed evasori che intestano centinaia di auto a nulla tenenti residenti all’estero. Ma i risultati saranno comunque straordinari e la stretta per le “esterovestizioni” delle auto metterà di sicuro un freno alla finta residenza fiscale all’estero di una società che con questo escamotage può immatricolare un veicolo oltreconfine e avere una targa straniera, pur svolgendo la propria attività lavorativa prevalentemente in Italia. Stesso discorso vale per un privato straniero residente nello Stivale.

“L’Automobile Club d’Italia condivide l’intervento del Governo in materia di abuso delle targhe estere sui veicoli circolanti in Italia – dichiara il Presidente ACI, Angelo Sticchi Damiani – perché il fenomeno della cosiddetta esterovestizione, cioè l’utilizzo di targhe estere per risparmiare su bollo e assicurazione, sottraendosi di fatto alle contravvenzioni e al fisco italiano, aveva iniziato a dilagare con forte danno, non solo per l’Erario, ma per tutti gli automobilisti e i cittadini”.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:. Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

MARIO CALABRESI

Diciotti, il pm: «Sulla nave quasi tutti malati di scabbia»

A bordo della nave Diciotti «ho constatato che sono quasi tutti affetti da scabbia. Una realtà devastante». Ma sulla vicenda non c’è nessuno scontro tra la magistratura e la politica. «Assolutamente no. Per fare un’ispezione era tecnicamente necessaria l’ apertura del fascicolo per sequestro di persona e arresto illegale.

Ma la valutazione tecnico giuridica e l’individuazione degli eventuali responsabili è complessa e mi riservo ogni ulteriore decisione da adottare dopo le indagini che ho delegato alla Guardia costiera». Lo dice, intervistato dal ‘Corriere della Serà. il procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio.

«La politica e l’alta amministrazione sono libere di prendere le scelte che ritengono opportune. Alla magistratura resta la valutazione giuridica di quanto avviene, su sfere e ambiti diversi – spiega – Ovviamente qualsiasi limitazione della libertà personale deve fare i conti con norme e regole della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo, della Costituzione, del Codice penale e del Codice di procedura penale. Non si scappa».

«Io non posso interferire nelle scelte operative dei ministri anche perché eventuali valutazioni penali sarebbero di competenza del Tribunale dai ministri – chiarisce ancora Patronaggio – Quindi, nessuna interferenza nei confronti della pmpolitica».

 

Il Messaggero

I MILIONI PER L’AFRICA SUL CONTO PERSONALE DEL COGNATO DI RENZI MA L’INDAGINE RISCHIA LO STOP

L’inchiesta, resa nota nel 2016 da La Nazione, è nata da movimenti bancari anomali segnalati dalla Bankitalia e dai dubbi di Monika Jephcott quando era direttrice di Play Therapy ltd Londra. La società aveva ricevuto circa 10 milioni di dollari di donazioni: secondo la procura ne avrebbe distratti oltre 6. Ora però ai pm serve una querela delle parti offese per continuare a indagare. Renzi: “Querelo chi mi accosta a questa storia”

 

Ricevevano generose donazioni da UnicefFondazione Pulitzere altre onlus americane ed australiane per finanziare attività benefiche nei confronti dei bambini africani. Ma invece di spedire quei soldi in Eritrea, Burundi o Sierra Leone attraverso la Play Therapy Africa, sostiene la procura di Firenze, li giravano sui loro conti bancari. Lo avrebbero fatto con circa 6,6 dei 10 milioni di dollari ricevuti. Per questo il cognato di Renzi, Andrea Conticini, sposato con sua sorella Matilde, e i fratelli Alessandro e Luca sono indagati da due anni con l’accusa di riciclaggio e – solo Alessandro e Luca – anche di appropriazione indebita aggravata. I pm Luca Turco e Giuseppina Mione, in base alle rogatorie internazionali, hanno ricostruito l’entità e i giri delle somme dirottati prima sui conti personali e poi impiegate, sostengono, per investimenti immobiliari in Portogallo e in altri Paesi esteri.

A causa della riforma Orlando, però, buona parte dell’indagine rischia di diventare carta straccia. Perché la nuova legge prevede che il reato di appropriazione indebita sia procedibile solo per querela delle parti offese. Così, nelle scorse settimane, la procura ha dovuto fare una rogatoria verso Unicef, Fondazione Pulitzer e le altri parte offese spiegando la situazione e che, senza una loro denuncia, il procedimento non potrà andare avanti.

L’inchiesta, resa nota nel 2016 da La Nazione, è nata da movimenti bancari anomali in Emilia segnalati dalla Banca d’Italia e dai dubbi di Monika Jephcott quando era direttrice di Play Therapy ltd Londra, la casa madre. La donna manifestò ai pm dubbi su come impiegasse i soldi Play Therapy Africa, consociata fondata da Alessandro Conticini che aveva ottenuto il permesso di usare lo stesso nome e a cui successivamente, però, la direttrice revocò l’autorizzazione.

La società di Conticini aveva intanto ricevuto cospicue donazioni dagli Usa, in particolare da Unicef (3,8 milioni di dollari tra 2008 e 2013) e Fondazione Pulitzer (5,5 milioni di dollari tra 2009 e 2016 transitati dalla onlus Operations Usa). Altri 900mila dollari complessivi sarebbero arrivati dalle ong Australian High Commission, Avsi, Fxb, Mobility without barriers foundation, Oak, Undp, France Volontaires.

I pm ritengono che i 6,6 milioni di dollari finiti nei conti dell’agenzia della Cassa di Risparmio di Rimini a Castenaso sia una somma sproporzionata – anche rispetto a eventuali compensi e spese sostenuti da Alessandro Conticini per i suoi impegni con la Play Therapy Africa -, sul totale dei 10 milioni donati. E le rogatorie e altri accertamenti avrebbero ricostruito che parte dei soldi avrebbe preso vie diverse dall’Africa. Così, Andrea Conticini, cognato di Matteo Renzi, è indagato per aver prelevato soldi dai conti e averli destinati a tre società dell’inner circle renziano: la Eventi6 di Rignano (133.900 euro) riferibile proprio ai familiari dell’ex presidente del Consiglio; la Quality Press Italia (129.900 euro); oltre a 4mila euro per la Dot Mediadi Firenze, che organizzava la Leopolda.

Luca Conticini e Alessandro Conticini devono invece rispondere anche di appropriazione indebita perché avrebbero usato parte del denaro per un investimento immobiliare in Portogallo da 1,9 milioni di euro e per un prestito obbligazionario da 798mila euro emesso dalla società estera Red Friar Private Equity Limited Guernsey. Nei confronti di tutti e tre i fratelli, la procura ha notificato un invito a comparire per il 14 giugno scorso: nessuno di loro si è presentato negli uffici dei pm di Firenze.

“I tempi della difesa li decide la difesa”, ha risposto l’avvocato Federico Bagattini, difensore dei Conticini. “A dicembre scorso – ha aggiunto – avevamo chiesto noi di comparire davanti al pm, ma non ce lo ha concesso”. Il senatore di Rignano, invece, attraverso una nota del suo ufficio stampa annuncia di voler procedere “in sede civile e penale contro chiunque accosti il suo nome a una vicenda giudiziaria che da due anni ciclicamente viene rilanciata sulla stampa e che riguarderebbe un fratello del marito di una sorella di Renzi. I processi si fanno in aula, non sui media. Al termine del processo si fanno le sentenze. E le sentenze si rispettano. Anche quelle sui risarcimenti”.

 

Il fatto quotidiano