Caso Diciotti, indagato il ministro Matteo Salvini

Caso Diciotti, indagato il ministro Matteo Salvini

Secondo quanto si apprende, il ministro indagato dai pm di Agrigento per la vicenda della nave Diciotti è il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Risponde di sequestro di persona, arresto illegale e abuso d’ufficio.

“Io lo aspetto, pacificamente e col sorriso, questo procuratore di Agrigento – ha detto Matteo Salvini – lo aspetto qui a Pinzolo perché voglio spiegargli le mie ragioni. Invece di indagare un ministro, il procuratore indaghi i trafficanti di essere umani e chi favoreggia l’immigrazione clandestina. Gli scafisti, voglio ricordare al procuratore, con i soldi comprano armi e droga che poi viene spacciata fuori dalle scuole dei nostri figli. Ed io sono stufo di finanziare gli spacciatori di morte”.

“Essere indagato per difendere gli Italiani è una vergogna – ha detto in conclusione – la riforma della giustizia è una prerogativa”. “I magistrati onesti devono buttare fuori la politica dalla magistratura, chi si vuole candidare si candidi e non faccia il procuratore”.

fonte

 

Boldrini: «Salvini e Fontana devono scusarsi con gli italiani»

ROMA – «Chi parla di razza è razzista, chiedete scusa agli italiani che sono un popolo molto diverso da queste aberranti affermazioni». Così Laura Boldrini a L’Aria che tira ha commentato l’uscita del candidato del centrodestra alla regione Lombardia, Attilio Fontana.  «Liberi e Uguali è una formazione politica nuova, ci dobbiamo far conoscere, ma ha grandi idee e onguno ha le sue idee ‘Libere e Uguali’, le mie sono ugualmente degne di essere rispettate» ha detto Boldrini rispondendo sulle divergenze emerse sul tema delle alleanze dopo le elezioni.

 

Mie idee rispettabili quanto quelle di Grasso
«Io dico che le idee Grasso sono rispettabili, so anche che apparteniamo entrambi a una cultura politica di rispetto e condivisione, avremo tempo per confrontarci anche con gli altri e di decidere», ha aggiunto la Presidente della Camera.

fonte